La Web App

Si è deciso di progettare un training della durata di un mese basato sull’utilizzo di una web app, PAS, costruita ad hoc per abbassare i livelli di ansia scolastica, accrescere la motivazione e lavorare sul locus of control spostandolo verso l’interno, in particolare intervenendo sull’autoefficacia nel contesto scolastico.
L’accesso alla piattaforma avviene tramite login personalizzato per ciascun soggetto che porta a una piattaforma condivisa con i propri compagni di classe: la costituzione di un gruppo virtuale aiuta infatti i ragazzi a sentirsi connessi, a condividere obiettivi significativi per facilitare il flourishing psicologico individuale e collettivo.Allegato 1                                          Nella home page dell’app si trovano le icone delle quattro sezioni che compongono l’applicazione: “I nostri successi”, “La mia pagina” “Ti senti pronto per domani?” e “Rilassati e caricati!”.                               Ciascuna sezione è stata accuratamente sviluppata per rispondere a specifici bisogni, seguendo le indicazioni fornite dalla letteratura riguardanti le quattro fonti dell’autoefficacia (esperienze di gestione efficace, esperienze vicarie, persuasione e gestione degli stati fisiologici) e con particolare attenzione a motivazione, locus of control e gestione dell’ansia scolastica.

Sezione 1: I nostri successi . Questa sezione promuove l’autoefficacia scolastica attraverso le prime due delle quattro fonti considerate dalla letteratura: esperienze di gestione efficace ed esperienza vicaria. Qui i ragazzi possono raccontare i propri successi scolastici per condividerli con i compagni di classe, ossia persone percepite simili e nelle stesse condizioni e rappresentanti quindi un ottimo termine di confronto. Leggere le esperienze degli altri aiuta dunque il processo di modellamento basato sull’esperienza vicaria, mentre raccontarle attraverso la narrazione permette di interiorizzarle affinché diventino fonte di autoefficacia; gli individui infatti organizzano la conoscenza di sé per mezzo delle narrazioni, in particolari quelle riguardanti il sé. Questa sezione è l’unica in cui avviene un’interazione tra i membri del medesimo gruppo classe.

Sezione 2: La mia pagina. In questa sezione l’autoefficacia scolastica viene promossa principalmente attraverso la persuasione, infatti nel momento in cui un individuo si trova a dover risolvere un problema, è più probabile che attivi un impegno forte e continuativo se è stato convinto verbalmente di possedere le capacità necessarie a portare a termine quel compito specifico. Questa sezione è una pagina privata, cui possono accedere unicamente lo sperimentatore e lo studente: è possibile inserirvi i propri voti all’interno di una tabella che calcolerà in automatico la media per ciascuna materia. gine
Questo processo aiuta sia i ragazzi che lo sperimentatore ad avere una visione d’insieme della situazione scolastica dello studente, inoltre avere una tabella, aggiornata ogni qualvolta venga preso un nuovo voto, può diventare un importante specchio dei progressi fatti nel corso del training. Nella medesima sezione si trova anche uno spazio in cui è possibile commentare i voti e la propria situazione o, auspicabilmente, instaurare un dialogo tra lo sperimentatore e lo studente, iniziativa che può essere presa da entrambe le parti. Compito dello sperimentatore sarà quello di aiutare i ragazzi nella formulazione di obiettivi scolastici e guidarli nella comprensione dei motivi che stanno dietro a eventuali insuccessi, trovando insieme le cause e motivando i ragazzi a perseverare nello studio al fine di migliorare i risultati.

Sezione 3: Ti senti pronto per domani? Questa sezione dell’app è stata progettata per aiutare i ragazzi ad acquisire una maggiore consapevolezza circa i limiti della propria preparazione: gli studenti spesso hanno difficoltà a capire dove sbagliano o cosa non ha funzionato quando ottengono risultati negativi e non si assumono la responsabilità dei loro fallimenti. Questa sezione consiste in un questionario interattivo che va eseguito il giorno prima di un qualunque compito in classe o di un’interrogazione, terminato lo studio o il ripasso. I feedback interattivi accrescono la compliance e l’autoefficacia.neIn questo caso ciò che rende interattivo il test è il fatto che la selezione di una risposta a ciascuna domanda comporta la variazione della domanda successiva fino a raggiungere un feedback finale. Per esempio se la risposta alla domanda “Ti senti pronto per domani?” è “sì/abbastanza”, la domanda successiva sarà “Realisticamente pensi che andrà bene?” e se la risposta è “sì/abbastanza” il questionario finisce dando un feedback, che in questo caso è “Allora in bocca al lupo! Ricordati di registrare l’esito nella tua pagina personale”. I feedback, a seconda della necessità, mirano a ristrutturazioni cognitive (in particolare relative al locus of control), indirizzano verso altre sezioni di PAS, suggeriscono azioni (come la pianificazione dello studio) e favoriscono la motivazione.

Sezione 4: Rilassati e caricati! Spesso i ragazzi non sono in grado di gestire l’ansia scolastica sia in fase di studio che durante la performance in classe, compromettendo i risultati. Modificare le convinzioni di efficacia attraverso la gestione degli stati fisiologici significa intervenire ottimizzando le condizioni fisiche, riducendo la propensione allo stress e alle emozioni negative e correggendo l’interpretazione scorretta delle attivazioni corporee. Questa sezione mira dunque a fornire agli studenti strumenti concreti per imparare a gestire l’ansia attraverso un programma di addestramento all’immunizzazione dallo stress basato sul coping emotivo (SIT, Stress Inoculation Training). Il SIT prevede il susseguirsi di tre fasi: concettualizzazione, acquisizione delle abilità di coping e fase di applicazione e completamento. La fase di concettualizzazione mira a fornire al soggetto un nuovo modello concettuale per interpretare la propria condizione, in particolare attraverso l’apprendimento della natura cognitiva dello stress; la fase di acquisizione delle abilità di coping mira a fornire un flessibile repertorio di strategie di coping sia strumentale che di gestione emotiva; la fase di applicazione e completamento porta invece ad utilizzare le strategie imparate nelle fasi precedenti in contesti reali.
Applicando tale protocollo alle nuove tecnologie è possibile strutturare il SIT attraverso un percorso multimediale implementato con la Realtà Virtuale: i soggetti sono accompagnati in questo percorso tramite la fruizione di contenuti audio-video costruiti ad hoc. Nello specifico è prevista la visione consecutiva di due video (per un totale di 8 minuti): il primo raffigura un’ambientazione rilassante e il secondo propone lo stressor, ossia la classe.Allegato 2
Il primo video (Video A) mostra una spiaggia deserta con il rumore del mare in sottofondo e integra le prime due fasi del SIT, guidando il soggetto verso una ristrutturazione cognitiva orientata a mettere in discussione i pensieri negativi e automatici che generano l’ansia. Il percorso comprende riconoscimento, consapevolezza e accettazione delle sensazioni fisiologiche, fornisce strategie di coping basate sulla gestione emotiva e insegna alcune tecniche di gestione delle reazioni fisiologiche basate sulla respirazione, in particolare il Calming Breath. Il secondo video (Video B) è ambientato nella situazione che genera ansia allo studente, ossia la classe durante un compito in classe o una verifica. Nel Video B si concentra la fase di applicazione e completamento del SIT: vengono riprese le ristrutturazioni e le strategie di coping strumentale ed emotivo del video precedente affinché vengano messe in pratica nella situazione ansiogena. Viene utilizzata una tecnica di immaginazione guidata che permette all’utente di rimuovere mentalmente se stesso dal luogo percepito come ansioso o stressante e di ricollocarsi in un posto rilassante che generi emozioni piacevoli.Poiché le sensazioni e le paure degli studenti riguardo al momento della verifica e dell’interrogazione differiscono (talvolta, per esempio, è una sola delle due modalità a generare ansia), sono stati create due differenti versioni dei video, una che consideri la prova orale e l’altra quella scritta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...